Il sacchetto del pranzo.

Volete leggere la testimonianza di chi ha provato un bel pompino sul posto di lavoro? Non potete perdervi questa sensuale testimonianza che non vi farà rimpiangere un bel film porno streaming, ve lo posso assicurare! Pronti a leggerlo e invidiare questo fortunato marito?

“Non capita spesso che durante il giorno si presenti un’opportunità per un marito e una moglie di sbizzarrirsi nel sesso all’aperto. Ma è possibile, a condizione di prendere alcune precauzioni. Tuttavia, il sesso completo può essere difficile. Un modo per ottenere sollievo (almeno per il marito) è avere un pompino veloce.

È successo così che mia moglie ha chiamato per dire che aveva lasciato il suo cestino per il pranzo dentro casa e si sentiva estremamente affamata. Mi sono offerto di ritirarlo e ho chiesto scherzando “Se lo faccio, cosa ne ricavo io?”

“Un pompino”, rispose lei. Sentii un dolore improvviso tra le mie gambe mentre il mio cazzo mi dava un formicolio. Conosco mia moglie: è un’assoluta padrona dell’arte di fare pompini. Quindi non dubitavo per un momento che lo avrebbe fatto. Ma questa era la prima volta che faceva la proposta per succhiarmi il cazzo nel parcheggio dell’ospedale dove lavorava.

Non volevo esagerare le mie speranze, pensando che non sarebbe stato possibile in pieno giorno. Inoltre, dovevo tornare al lavoro dopo. Non ero dell’umore per tornare a casa a ripulire se avessimo fatto un casino. Per non parlare del fatto che mia moglie avrebbe potuto essere spruzzata di sperma. Si sarebbe sentita molto imbarazzata mentre tornava alla sua scrivania con le macchie su tutta la sua uniforme dal nostro rendez-vous.

Tuttavia, non avevo tenuto conto di quale ragazza intelligente e riflessiva è mia moglie!

Sono arrivato e ho parcheggiato sotto un albero, telefonandole per venire a prendere il suo pranzo. Nel giro di pochi minuti, era sul sedile del passeggero. Appena arrivata, mi stava prendendo le palle. Il mio cazzo si è indurito in un batter d’occhio. Quindi aprì la borsa e tirò fuori un preservativo. Ha tirato fuori il mio cazzo grosso e ha fatto scivolare il preservativo sopra, facendolo rotolare giù per la mia asta sempre più ispessita. Poi mi ha fatto uno di quei pompini spettacolari mentre stringevo le labbra per non urlare. È stato così eccitante fare un pompino sul suo lavoro. Entro un minuto, ho scaricato nel preservativo.

Lo ha rimosso con cura, legato e messo nella sua borsa. Mi ha preso in giro dicendo che ne avrebbe avuto un massaggio erotico in seguito. Ho nascosto il mio pene flaccido nei miei pantaloni. Ha preso il suo sacchetto del pranzo e mi ha baciato, salutandomi per il pomeriggio.”